Amilu: coltivare in balcone o in un piccolo orto

Oggi con Kate parliamo di come coltivare su un balcone o in un piccolo orto.

SEGUI KATE SU INSTAGRAM: @amilufarm

 

Chi avesse voglia fare un orto a casa, cosa può fare per rendere il terreno sano e vivo?

Tutti possiamo coltivare le nostre verdure anche su dimensioni piccole, ciò ci avvicina alla natura e da ci da una soddisfazione enorme.

Parlando di un orticello privato (kitchen garden), si può fare il suo compost dal umido di casa con una potatura che tritata, con foglie tritate e con l'erba tagliata crea un ecosistema circolare direttamente a casa. Queste sostanze organiche si decompongono in un suolo nero e pieno di vitalità. Non c’è bisogno di andare alla caccia di letame, che è comunque duro trovarne pulito e sano. Si utilizza quello che si trova, cenere piena di fosforo e potassio, ma anche calcio e magnesio, gusci di ovo portano carbonato di calcio, fondi di caffè (azoto e acidità), bucce di banane tritate (ricche in potassio). Si può anche piantare “letame verde”. Il trifoglio per esempio si può piantare a metà dell’ orto alternando un giro di trifoglio con un giro di verdure. Il trifoglio porta tanto azoto quando cresce, poi viene tritato sul posto e interrato per aggiungere a la sostanza organica del suolo. Oppure si può mettere del grano che è come un altro letame verde chi ci aiuta ad arieggiare il terreno con le sue radici che crescono fino a 200 metri di distanza sotto terra. Qui aiuta a cercare i minerali e a migliorare la struttura del tuo terreno. Anche le parti delle verdure non usate si possono tritare e interrare sul posto dove sono cresciute. Fa anche bene piantare alberi vicino ad un orto, perché aiuta a trattenere l’acqua nella zona, concima con le foglie che cadono ogni inverno e attira i lombrichi per arieggiare il terreno.

 

 

Cosa possiamo coltivare sul nostro balcone?

Evitate le piante che occupano troppo spazio o quelle che chiedono troppa profondità del terreno, dipende anche da quanto sole riceve il balcone e quanto è soggetto al vento. In generale sui balconi possiamo coltivare erbette piccole come prezzemolo, basilico, rosmarino, salvia, timo, etc, insalate e ravanelli sono facili, veloci e prendono poco spazio. Anche i peperoncini, aglio e cipolle. Per quanto riguarda la frutta, le fragole vanno benissimo. Con un traliccio e possibile sfruttare le pareti verticali piantando piccoli pomodori, fagiolini e cetrioli.

 

E’ più difficile coltivare su un balcone o direttamente nel terreno?

Coltivare direttamente nel terreno è più permanente e quindi ci sono più possibilità di creare un ecosistema sano e a lunga durata con piante perenni che danno piacere anno dopo anno. Su un balcone sarà sempre una sfida far si che la terra nei vasi sia sana, piena di nutrienti e bagnata.

 

Se abbiamo un balcone piccolo come possiamo organizzarci per avere il maggior numero di piante?

Non è perché si possiede un piccolo giardino, o anche solo un balcone, che si deve fare a meno di un orto. Alcune colture possono essere facilmente coltivate in un piccolo spazio e questo è ancora più valido nel caso di un orto verticale. Esistono diversi tipi di orti verticali, ci vuole solo un po’ di creatività per scegliere il modo di piantare sul muro! Si può utilizzare una palette in legno piantando fra i buchi oppure mettere le balconiere su una scala di legno. Si possono anche sospendere piccoli vasetti direttamente sul muro.

 

Se abbiamo un piccolo orto, quanto è importante diversificare le nostre colture?

Più ci sono delle varietà più sono mischiate fra di loro e più sano sarà l'orto. Ci saranno meno insetti e malattie che sono presenti nelle monoculture. L’ideale è l'esempio della “Forest Garden” che si trova nella permacultura. Ad esempio un albero di frutta, sotto piccoli frutti come lamponi e ribes, poi verdure e finalmente un sovescio come trifoglio. Con questa struttura la natura produce in abbondanza e in armonia.

 

Ci sono delle piante che aiutano a migliorare il terreno?

Tante piante aiutano a portare nutrienti al terreno, è così potente che si chiama letame verde. Ad esempio le piante leguminose portano tanto azoto, le ortiche lo consolidano e anche servono come concime perché sono riserve di tanti nutrienti e così si può nutrire un orto senza concime chimico o letame.

“Companion planting” è un’ altra strategia per fare l’orto sano e resiliente, piantando certe piante insieme con altre. Basilico con pomodori per esempio aumenta il gusto dei pomodori e difende i pomodori dagli insetti. Carote e cipolle è un’ altra bella copia che viene sempre piantata insieme.

 

Cosa sono le casette per gli insetti? Perchè sono importanti? Se coltiviamo su un balcone ci consigli di utilizzarle? In giardino o su un balcone gli “Insect Hotels” (hotel degli insetti) sono utilizzati come nidi o posto per l’ibernazione per gli insetti come api solitarie, coccinelle e farfalle che sono considerati insetti utili nell'orto. Gli hotel degli insetti sono popolari tra i giardinieri e i

coltivatori di frutta e verdura grazie al loro ruolo che incoraggia l'impollinazione degli insetti.