Cindy Gladys Semenye, una giovane stilista

 

Cindy, una giovane stilista con una grande storia. Tanto coraggio e tanta passione per il suo lavoro. Ve la presento in questa intervista!

 

1 Una ragazza coraggiosa che lascia il Sud Africa per andare in Oriente. Dove vai esattamente? Come mai questa scelta?

Parto dal Sud Africa per la prima volta nel 2002 per un Gran Pre a Macao Asia.

Forse per un forte desiderio di viaggiare e vedere il mondo e fare l'hostess è stata un’occasione.

 

2 Quanti anni avevi?

Avevo 21 anni

 

3 Lì trovi l’amore.

Trovo l'amore sì, il fascino italiano!

 

4 Quando arrivi in Italia?

Arrivo in Italia nel 2007.

 

5 Qui nasce la tua meravigliosa bambina.

Sì, una bellissima bimba che poi ho chiamato Isabella.

 

6 Purtroppo il tuo matrimonio finisce. E’ stato un momento difficile?

Una convivenza, sì arrivò alla fine del 2010, 3 anni dopo il mio arrivo in Italia.

 

7 Facendo vari lavori scopri la tua passione per la moda.

Ho lavorato subito dopo circa 4/5mesi come cassiera e studiando estetica contemporaneamente perché mi piaceva l'idea di potermi prendere cura della pelle delle persone, ma poi 2 anni dopo non mi sentivo appagata ed è li che ho capito che quello che volevo fare davvero era la stilista

 

8 Che cosa rappresenta per te la moda?

La libertà di espressioni non necessariamente verbali, esprimersi in un linguaggio universale compreso quasi da tutti non ha prezzo.

 

9 Quando e come inizia il tuo percorso per diventare una stilista?

Ho incontrato per la prima volta in aula il mio grande mentor non che professore Fabrizio Modina, la prima cosa che mi chiese è stata: “Sai disegnare un corpo umano?” e io risposi di no. Da lì incominciò il mio percorso.

 

10 Quando fai la tua prima sfilata?

La mia prima sfilata fu all’Expo di Milano. Fashion and Food era il tema, ci venne chiesto di collaborare con dei pasticceri per creare abiti ovviamente vestibili, ma con delle applicazioni di cibo, io chiesi se potevo fare qualcosa di diverso. Li partì la mia immaginazione. Lavoro in un supermercato e quindi puoi immaginare la vasta scelta di prodotti da cui scegliere. Scelsi di lavorare con i legumi, feci un abito ricoperto interamente di legumi tra qui, ceci, fagioli, lenticchie, fave ecc. E’ stato fantastico ed è stato una delle più belle esperienze/inizio del mio cammino verso il mio sogno.

 

11 Quali sono i tessuti che preferisci utilizzare?

Amo il profumo della pelle, la preziosità delle pietre, il prestigio del pizzo e la delicatezza ma forza della seta. Poi mi piace trasformare i materiali non destinati alla moda in capi.

 

12 Come nasce un tuo abito?

Ho avuto la fortuna di poter studiare tecniche di taglio e confezione oltre allo stilismo e quindi creo i miei capi dal disegno alla confezione.

 

13 Arrivare da un famiglia di sarti ha influenzato questa tua passione?

Oggi dico con orgoglio Sì, forse in fondo sapevo che avrei fatto questa fine, ma da piccola giuravo che non avrei mai toccato i tessuti se non fossero capi già confezionati.

 

14 Grazie per esserti raccontata su Donneingamba.com

Grazie a Donneingamba che mi ha dato la possibilità di raccontarmi, grazie a te Paola.

 

CLICCA SULLE FOTO PER INGRANDIRLE