Lorella Greco

E' bello quando la propria passione diventa il proprio lavoro. Questo è quello che è successo a Lorella Greco. In questo post Lorella ci racconta la sua storia.

PH Raffaele Sordillo.

1 Ciao Lorella, dalla ricerca di una catenella per occhiali, parte la tua prima esperienza in questo mondo. Ci racconti?

Vero Paola! Dalla catenella per gli occhiali alla realizzazione di monili, il passo è stato davvero breve. Ho sempre avuto una passione per i gioielli e poterli creare per me è stato bellissimo oltre che divertente. Ho iniziato quindi assemblando componenti già esistenti, quindi perle, catene, intercalari. Due pinze, una tronchesina, tanta fantasia ed un bel successo tra amici e colleghi, allora lavoravo in un’azienda. Non mi bastava più ed eccomi approdare alla scoperta della materia prima: il metallo, in fili, in lastre da cui ricavare le forme e le componenti che piacevano a me. Da autodidatta, con l’ausilio del web e di testi, ho iniziato ad approfondire sempre di più imparando quindi a forgiare il metallo. Entusiasmante!

 

2 Che tipo di studi hai fatto per prepararti a questo lavoro?

L’esigenza di approfondire ulteriormente é diventata cosa necessaria quindi, nonostante il mio lavoro mi impegnasse parecchio, decisi di seguire il primo corso di oreficeria per principianti, mi serviva la tecnica, mi serviva conoscere gli attrezzi, le possibilità di realizzazione con tanto di regole. Seguii così anche il corso di oreficeria di secondo livello, in breve due anni di corsi serali.

 

3 Da quanto tempo hai iniziato a creare gioielli?

Sono ormai quasi 10 anni che mi dedico a questo che prima era solo un hobby, nato per ovviare al global style imperante ed ora é diventato il mio lavoro. Sì, perché a fine 2013 presi la “folle” decisione di dimettermi per dedicarmi a questo lavoro che richiede tempo, studio, sperimentazione.

 

4 Crei i tuoi bijoux anche attraverso la forgiatura e la fusione a cera persa.

Realizzo adesso un monile che é un mix di tecniche orafe, dove coesiste tutto ciò che ho appreso negli anni, unite alla mia scoperta più recente: la micro-fusione a cera persa, una svolta decisiva.

 

5 Quali sono i materiali che utilizzi di più?

Il metallo che prediligo è senz’altro il bronzo che utilizzo soprattutto nelle fusioni, poi adopero l’ottone e qualche volta l’argento.

 

6 Dove troviamo la tue creazioni?

Il mio é al momento un prodotto di nicchia, presente in varie tipologie di punti vendita, gioiellerie, concept dedicati all’abbigliamento e ad accessori in genere, negozi che puntano alla ricerca, al pezzo unico, all’artigianato con serie limitata, una piccola distribuzione soprattutto a Torino (per i dettagli ti rimando al sito www.lorellagreco.it).

 

7 Quanto sono importanti i social per fare conoscere i tuoi gioielli?

Accennavo prima al web, bene, per quanto mi riguarda i social hanno giocato, e continuano a farlo, un ruolo importante per promuovermi. Trovo che sia un mezzo immediato per farsi conoscere.

 

8 A che donna sono rivolti?

La donna che indossa il mio gioiello ha una spiccata personalità, é una donna che si fa notare senza eccessi.

 

9 Sono realizzati tutti a mano?

Tutto è realizzato a mano, per questo motivo i pezzi sono unici e spesso capita di personalizzarli ulteriormente. Mi affascina il lavoro degli artigiani dei primordi, quando con pochi, pochissimi mezzi riuscivano a realizzare gioielli che ancora adesso ci lasciano a bocca aperta nella loro irregolarità, nelle forme abbozzate, nel loro essere materici. Questo mi sorprende ogni volta, questo mi ispira sempre, questo mi emoziona e quando questo comunicare emozione raggiunge la mia cliente finale, ho raggiunto il mio obiettivo

 

 

Grazie per essere stata con noi.